IC PERUGIA 14

IC PERUGIA 14

Organigramma

 

 

DIRIGENTE SCOLASTICO

Prof.ssa Cristina Potenza

Il dirigente scolastico, inquadrato nella dirigenza dello stato (Area V della Dirigenza), è responsabile della gestione delle risorse finanziarie e strumentali e dei risultati del servizio. Nel rispetto delle competenze degli organi collegiali scolastici, spettano al dirigente scolastico autonomi poteri di direzione, di coordinamento e di valorizzazione delle risorse umane. In particolare il Dirigente Scolastico organizza l’attività scolastica secondo criteri di efficienza e di efficacia ed è il titolare delle relazioni sindacali. (Decreto legislativo n. 165/01, art.25)

DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI E AMMINISTRATIVI

Dott.ssa Ilaria Cipriani

Sovrintende ai servizi generali amministrativo-contabili e ne cura l’organizzazione svolgendo funzioni di coordinamento, promozione delle attività e verifica dei risultati. Organizza autonomamente l’attività del personale A.T.A. nell’ambito delle direttive del Dirigente scolastico. Attribuisce al personale A.T.A. incarichi di natura organizzativa e le prestazioni di lavoro eccedenti l’orario d’obbligo, quando necessario. Svolge attività di istruzione, predisposizione e formalizzazione degli atti amministrativi e contabili; è consegnatario dei beni mobili. Sovrintende, con autonomia operativa, ai servizi generali ed amministrativo – contabili e ne cura l’organizzazione svolgendo funzione di coordinamento, promozione delle attività e verifica dei risultati conseguiti, rispetto degli obiettivi assegnati ed agli indirizzi impartiti al personale A.T.A., posto alle sue dirette dipendenze. Può svolgere attività di studio e di elaborazione di piani e programmi richiedente specifica specializzazione professionale, con autonoma determinazione dei processi formativi ed attuativi. Può svolgere incarichi di attività di tutor, di aggiornamento e formazione nei confronti del personale. Il D.S.G.A., in ambito finanziario e contabile è il responsabile della contabilità e degli adempimenti fiscali. Inoltre:

  • attua la gestione del programma annuale (ex bilancio di previsione) e del conto consuntivo;
  • emette i mandati di pagamento e reversali d’incasso;
  • effettua la verifica dei c/c intestati all’Istituto;
  •  predispone la scheda finanziaria analitica per ogni singolo progetto/attività previsti dal Programma Annuale;
  • definisce ed esegue tutti gli atti contabili, di ragioneria ed economato;
  • cura l’attuazione amministrativa, finanziaria e contabile delle delibere del Consiglio d’Istituto in materia di bilancio;
  • predispone la relazione sullo stato delle entrate, degli impegni di spesa, dei pagamenti eseguiti;
  • cura l’istruttoria delle attività contrattuali;
  • determina l’ammontare presunto dell’avanzo d’amministrazione;
  •  valuta e seleziona i fornitori, gestendo le offerte e gli ordini di acquisto, consultandosi con il Dirigente scolastico;
  •  gestisce la manutenzione ordinaria dell’Istituto, interfacciandosi con fornitori qualificati ;
  •  gestisce le scorte del magazzino.

 

Collaboratori del Dirigente

 

 

ORGANIGRAMMA DELLO STAFF A. S. 2020/2021

 

Insegnante Dott.ssa Paola Ceccarelli
Professoressa Cristiana Piampiano

 

 

Art. 34 CCNL Quadriennio Giuridico 2006 – 2009 – Attività di collaborazione con il dirigente scolastico

“1. Ai sensi dell’art.25, comma 5, del Decreto Legislativo n. 165/2001, in attesa che i connessi aspetti  retributivi vengano opportunamente regolamentati attraverso gli idonei strumenti normativi, il dirigente scolastico può avvalersi, nello svolgimento delle proprie funzioni organizzative ed amministrative, di docenti da lui individuati ai quali possono essere delegati specifici compiti. Tali collaborazioni sono riferibili a due unità di personale docente retribuibili, in sede di contrattazione d’Istituto, con i finanziamenti a carico del fondo per le attività aggiuntive previste per le collaborazioni col dirigente scolastico di cui all’art.86, comma 2, lettera e)”

Le nomine sono annuali; vengono retribuite con il Fondo per il miglioramento dell’Offerta Formativa in base all’impegno orario stabilito in sede di contrattazione di Istituto.